Cerca comune

Salerno

Vota il comune

Giudizio: 4.9 su 5 (137 voti ricevuti).

Comune di Salerno

Salerno vista da Positano

Si ritiene che il territorio salernitano sia stato abitato durante il corso del periodo della preistoria. E’ una delle città che è stata soggetta a molte colonizzazioni.Essa è la seconda città della campania grazie all’abbondante popolazione.


Monumenti e luoghi da visitare

Lungo Mare Trieste
E’un grande giardino alberato che costeggia il mare nel tratto centrale del nucleo urbano. Ha avuto inizio con la creazione dei primi giardini fino all'altezza dell'attuale palazzo della Provincia. Dopo l’eruzione del Vesuvio del 1944 fu realizzato il tratto successivo adoperando le ceneri vulcaniche Fu terminato durante i primi anni '50. Il Lungomare è stato sottoposto ad un esteso lavoro di recupero all'inizio degli anni '90, sotto la giunta Giordano, ad opera degli architetti Carpentieri e Villani e dell'ing. Sessa. Il grande giardino è costituito da tre viali paralleli separati da vaste aiuole Si tratta di una delle più belle passeggiate litoranee d' Italia per la folta vegetazione esotica e per lo spettacolare panorama sul golfo di Salerno contornato dai monti della costiera.

Il Giardino delle Minerva
E’ situato nel cuore del centro storico di Salerno in una zona chiamata Plaium montis.Il viridario fu proprietà della famiglia Silvatico.A novembre del 1991 fu presentato il progetto per la realizzazione di un Orto botanico dedicato a Silvatico ed al suo Giardino dei semplici. Tale progetto è stato poi finanziato e realizzato nel 2000 dall' amministrazione comunale Ciò che oggi, al termine dei lavori di restauro, appare evidente al visitatore è una lunga scalea, sottolineata da pilastri a pianta cruciforme, che sorreggono una pergola di legno. La scalea che collega i diversi livelli del giardino è costruita sulle mura antiche della città e permette un’ampia e privilegiata visione del mare.

La Villa Comunale
Fu progettata nel 1874 ed è situata all'ingresso della città scendendo da Vietri sul Mare.Situata di fronte al Teatro Verdi; troviamo un orto botanico con molte piante rare dell'area mediterranea in particolare, troviamo i papiri e i banani.Ci sono anche varie statue come quella di Carlo Pisacane sviluppata in marmo, e quella di Giovanni Nicotera in bronzo.

Centro Storico
Si trova nelle vicinanze della costiera amalfitana. In esso vi era un sistema di mura che delimitava i venti "Rioni" situati intorno al Duomo. Parte di queste mura interne sono ancora visibili lungo la Via Tasso nel rione Madonna delle Grazie, e nel rione Mutilati.
Il centro storico di Salerno fu definito dal poeta Alfonso Gatto il gioiello medioevale, per la sua enorme ricchezza di palazzi e chiese dell'epoca longobarda e normanna. Nel suo centro troviamo il Duomo, ricco non solo di arte ma anche di storia. Nella sua cripta troviamo le reliquie di uno dei dodici apostoli, san Matteo. Vicino al duomo si trovano il museo archeologico provinciale), la pinacoteca provinciale,il museo diocesano ed il museo didattico della Scuola Medica.

Teatro Verdi
Progettato nel 1863 per volontà del primo sindaco Matteo Luciani fu inaugurato nel 1872, con architettura simile a quella del Teatro San Carlo di Napoli, con quattro ordini di palchi ed un loggione.Il Teatro fu decorato dai pittori napoletani Gaetano e Fortunato D'Agostino, ed è dotato di ottima acustica.Di eccezionale bellezza è il soffitto del Teatro, dipinto da Paquale Di Criscito, che raffigura il musicista Gioacchino Rossini intento a dirigere le sue opere. Splendido è il sipario, dipinto dal pittore D'Amora su cui vi è raffigurata la Cacciata dei Saraceni da Salerno nell' 872 Sull'attico del Teatro è ospitato il Casino Sociale: punto di ritrovo della nobiltà salernitana dell'ottocento, ed attualmente club esclusivo.Il Teatro Verdi si affaccia sul parco della Villa Comunale della città campana.Nel teatro, verso la fine dell'ottocento, fece una delle sue prime apparizioni Enrico Caruso mentre nella prosa fecero apparizione Ermete Zacconi, Salvatore Accardo, Vincenzo Salemme, Rolando Panerai. Attuale Direttore Artistico è Daniel Oren.

Museo Diocesano del Duomo
ha sede nell'antico ex seminario arcivescovile Conserva al suo interno importanti testimonianze storiche del XII secolo e del XIII e XIV secolo. Tra di essi spicca l'Exultet, un lungo rotolo di pergamena ricoperto di finissime miniature illustranti una preghiera della Settimana Santa. Altro capolavoro in mostra è il Paliotto degli Avori Salernitani, unica opera eburnea dell'epoca. Tra le altre opere, vi è un bellissimo crocifisso ligneo di epoca bizantina, assai venerato in passato perchè collegato alla leggenda del mago salernitano Pietro Barliario; nella stesa stanza, vi è una pregevole croce. Spiccano, poi, una Crocifissione e un San Michele Arcangelo di Cristoforo Scacco.


La Pinacoteca Provinciale
si trova sulla via dei mercanti, nel cuore storico di Salerno nei saloni del Palazzo PintoVi si possono ammirare alcuni capolavori di Andrea Sabatini, il miglior pittore rinascimentale del meridione italiano;Preziose tele di Giovan Battista Caracciolo e di Francesco Solimena. Nei saloni si possono vedere opere contemporanee di noti autori locali, come il pittore salernitano Pasquale Avallone, e di famosi autori stranieri, come il tedesco Richard Dolker.

Chiesa di San Giorgio
E’ la più bella chiesa barocca della città. Situata in Via Duomo, faceva parte di un monastero di suore benedettine, fondato nel secolo IX, e fu ristrutturata ai primi del settecento dall' architetto napoletano Ferdinando Sanfelice. All’interno si possono ammirare vari dipinti ed è possibile vedere l'altare marmoreo decorato con angeli e bassorilievi di pregevole fattura, dove risaltano gli inserti in madreperla.



Commenti degli utenti su Salerno Inserisci nuovo commento su Salerno
Aggiungi un commento
Segnala un testo per il comune di Salerno
Segnala una foto per il comune di Salerno
Inserisci il tuo sito su Salerno